mercoledì 11 gennaio 2017

SEI MESI PER ROG, SEI GIORNI PER RINCON!


Maurizio Sarri ha atteso il primo incontro di Coppa Italia del Napoli, per giunta contro una squadra di Serie B come lo Spezia, per dare l'opportunità a Rog e Giaccherini di giocare una partita da titolari. Se ci si sofferma un po', la cosa può apparire davvero grottesca. Se poi ci si fa nascere il sospetto che una tale anomalia abbia determinato gli attuali punti di distacco dalla Juve, il viso da sorridente si può trasformare in corrucciato.
Come sia stato possibile che un calciatore dalle certe qualità e dalla notevole esperienza, sia in Serie A che in campo internazionale, come Giaccherini non abbia disputato da titolare neanche un solo incontro in tutto il girone d'andata, che è costituito da ben 19 partite, è una questione da studiare e da prendere seriamente in considerazione. Un ragionamento simile vale per Rog, sebbene le motivazioni che avrebbero dovuto spingere l'allenatore ad un suo utilizzo più abituale siano diverse.
Se a tutto questo si aggiunge quello che, dopo le parole inequivocabili di Sarri, si può definire "il caso Maksimovic", allora la questione da seria diventa finanche problematica.
Non è un problema che un allenatore ritenga ogni nuovo acquisto pronto solo dopo circa sei mesi di allenamenti?! Per metterla sull'ironia sembra quasi che il Napoli ingaggi tutti calciatori con un infortunio ai legamenti!
Sulla sponda juventina, vediamo invece come Allegri, dopo aver dato subito fiducia a Pjaza prima che si fermasse per problemi fisici, abbia deciso di inserire il neo acquisto Rincon già nella rosa dei co-titolari.

0 commenti:

Posta un commento