lunedì 11 settembre 2017

IL NAPOLI COL FILTRO



Non pochi hanno notato che il Napoli di Sarri, in questo inizio di stagione, appare meno danzante e spettacolare rispetto agli anni passati e, contestualmente, capace di inibire con relativa semplicità le azioni in ripartenza degli avversari. A mio parere, queste due circostanze sono indissolubilmente legate e rappresentano la conseguenza di nuove disposizioni tattiche relativamente ai tre centrocampisti. Le due mezzali, infatti, in fase di non possesso,  si comportano molto meno come tali e più somiglianti, nei loro movimenti, a due interni. Mi sembra palese che i due centrocampisti laterali stringano molto verso il centro del campo arrivando a costituire un autentico centrocampo "a tre". L'altra novità che, mi sembra, sia stata introdotta è quella che potremmo definire "verticale difensiva" relativamente al fatto che il centrale della mediana arretri fin nell'area di rigore, in fase d'attacco degli avversari, determinando una sorta di difesa "a cinque". Queste due circostanze fanno si che ci sia un maggior filtro difensivo a centrocampo con una conseguente miglior copertura del reparto arretrato. Anche alla luce di questo aspetto, ad esempio, si dovrebbero leggere le prestazioni meno brillanti di Hamsik e le sue ripetute sostituzioni, quantomeno in mancanza di una forma ottimale.

Giuseppe Albano