Cos'è Napolintesta?



"Napolintesta": il doppio senso è evidente! .....il Napoli sempre nei nostri pensieri e il desiderio di vederlo in vetta, come nella bellissima immagine, sopra, relativa al trionfo di Doha. Ma, a parte i giochi di parole e le espressioni sentimentali, c'è un motivo più profondo all'origine della mia scelta.
Ho deciso di creare il blog "Napolintesta", nonostante il proliferare di siti dedicati alla nostra squadra, non solo per il piacere insito nel fatto di scrivere e rendere pubblico il proprio pensiero su una materia per la quale si prova passione, ma anche perché solitamente le testate web, dedicate alle varie squadre di calcio, si presentano, nella scelta delle varie tematiche nonché nelle forme con cui esse vengono esposte, alquanto asettiche, fredde e lontane da quell'esercizio critico ed ironico che rappresenta l'unico modo di rendere viva e realmente interessante una determinata questione.
Contrariamente a quello che credono e affermano molti presunti "oggettivi" del mondo del calcio, che confondono l'oggettività con la mera esposizione di una notizia, si è tanto più vicino alla reale essenza di un evento quanto più si cerca, con la giusta profondità, di interpretarlo soggettivamente, essendo esso stesso permeato di quella soggettività insita negli uomini che lo hanno determinato.
Difendere i tifosi del Napoli, dunque, non significherà, in questo blog, accondiscendere alla volontà degli stessi, un veleggiare nel vento degli umori dell'opinione pubblica. Al contrario, molto spesso quella difesa si manifesterà come opposizione feroce alle banali interpretazioni che la maggioranza dei tifosi superficialmente esprime sull'onda emotiva di singoli eventi, come i risultati.
E siccome si va affermando come prassi, in seno al giornalismo calcistico, una certa promiscuità con l'opinione pubblica, il mio blog si propone anche di lottare contro questa che ritengo una degenerazione della stampa.
Non di rado, nella vita, capita che ci si debba difendere da coloro che, almeno all'apparenza, desiderano maggiormente il nostro e il loro bene.


Giuseppe Albano

0 commenti:

Posta un commento